Crocifisso e lapide

 

Entrando nel Presbiterio, subito a destra, coperta dalla panca del governo dell’Arciconfraternita, è posta a muro la seguente lapide con stemma nobiliare:

 
Comiti Hugoni Eduuardo Cholmeley
Magno Equiti Torquato
SS D.N. Gregorii XVI et Pii intimo Cubiculario
Cuius dies primus IV nonoe Juniis MDCCCXXII
Fuit, et XVI Kal. Maii MDCCCLXX
Viro suo peramanti
Isabel Comitissa Cholmeley
Ad memoriam imperituram
Hunc lapidem posuit – Orate pro eo
 

Subito sopra la lapide è posto un grande crocifisso ligneo. Precedentemente vi doveva essere un Altare dedicato al Santissimo Crocifisso il cui patronato apparteneva alla famiglia Falangola (prima dei Donato); Altare che nel 1864 fu eliminato allorquando la Chiesa subì una mutilazione dell’abside per consentire i lavori di esecuzione del Corso Italia.