Processione del Venerdì Santo

 

La Processione del Venerdì Santo rappresenta per l’Arciconfraternita la celebrazione religiosa più importante e conosciuta. Un legame profondo lega i sorrentini ad essa. Non v’è, forse, famiglia sorrentina che, nel corso degli anni, non abbia visto almeno un proprio componente parteciparvi. Questo è motivo di orgoglio e di grande impegno per i confratelli ed il Governo del Sodalizio ed è per questo che, ogni anno, i preparativi necessari a garantire il migliore svolgimento del corteo stesso hanno inizio alcuni mesi prima della Settimana Santa.

Già prima dell’inizio della Quaresima, infatti, vi è per i confratelli tutto un susseguirsi di impegni che seguono uno schema quasi rituale: le vesti vengono tirate fuori dagli armadi, già stirate e profumate, pronte per la distribuzione ai partecipanti la quale avviene a ridosso della Settimana Santa; fiaccole e lampioni vengono puliti e lucidati; in chiesa iniziano le prove di canto per il coro del Miserere; si prendono i contatti con la banda musicale… Si tratta di un lavoro febbrile che culmina la sera del Giovedì Santo, quando tutto sarà pronto per “l’uscita” della processione.